Destinazioni


Viaggi in Italia







Nikko 
Giappone Località
Voti utenti
3.8
su 5
1 Recensioni utenti
Località
Tipo di località: d'arte o storica
Patrimonio dell'umanità UNESCO
Riconoscimenti: Patrimonio umanità UNESCO
Sito patrimonio dell'umanità UNESCO: Santuari e Templi di Nikko
Categoria UNESCO: Sito culturale
Nikko è una piccola cittadina situata a nord di Tokyo, nella prefettura di Tochigi nel nord della regione di Kanto, facente parte del Nikko National Park, bellissimo parco che occupa un'area montuosa caratterizzata da vulcani spenti, laghi e cascate. Nella cornice di un paesaggio collinare ammantato di boschi, Nikko vanta uno straordinario patrimonio di templi e santuari dalle ricche e vistose decorazioni. E' una delle principali attrattive turistiche del Giappone e tra i numerosi santuari il più famoso è il celebre Tosho-gu, il santuario shintoista più riccamente decorato di tutto il Paese e mausoleo di Tokugawa Ieyasu, condottiero che assunse il controllo di tutto il Giappone e diede inizio ad una dinastia i cui discendenti detennero la carica di shogun per 250 anni.






Recensioni utenti

Media voti da: 1 utente(i)

Media voti (pesati)
3.8
Bellezza
5.0
Ospitalità
3.0
Divertimento
4.0
Servizi
3.0
 

Aggiungi una recensione



4 di 4 persone hanno trovato questa recensione utile

Boschi secolari, lanterne, torii, criptomerie...

Autore Alessia

Media voti (pesati)
3.8
Bellezza
5.0
Ospitalità
3.0
Divertimento
4.0
Servizi
3.0
Quando sono arrivata a Nikko, era un giorno nuvoloso e l'impatto è stato molto forte. Passare in poco più di due ore da Tokyo a questo paesino di montagna è stato abbastanza traumatico. Tra l'altro, essendo molto famoso, mi aspettavo chissà cosa appena arrivata (ho capito solo dopo che le bellezze erano nascoste). La stazione è gradevole ma davvero piccolissima, fuori qualche venditore di dolcetti caldi alla castagna e poi quasi più nulla.. O meglio: poi un viale che porta verso il territorio montano, con qualche casa, distributore di benzina, qualche minimarket e basta.. Una desolazione unica. Ma è lontano dalla stazione che si apre un mondo bellissimo, anticipato da un caratteristico ponte in legno color rosso sul fiume: è tutta l'area tra le montagne ricoperte di boschi che conserva templi, santuari, siti sacri e quant'altro. L'area è talmente enorme che, giustamente, quando acquisti il biglietto ha validità di due giorni. Il principale santuario cittadino si chiama Tosho-gu, ma ci sono molti templi uno più magnifico e maestoso dell'altro; senza parlare del contesto naturalistico in cui il tutto è inserito: boschi, ripidi sentieri, ruscelli, scalinate naturali, passaggi lastricati, piccole tombe e chi più ne ha più ne metta.
Come accade praticamente ovunque in Giappone, le cose bisogna iniziare a farle di mattina molto presto. A primavera ad esempio alle 18.00 è già buio e soprattutto dopo le 18.30, questo nei paesini piccoli ovviamente, siano essi di mare o montagna, non ci sono ristoranti aperti. Seguendo questo "trend", dico subito che i siti patrimonio dell'umanità sono aperti dalle 8.00 di mattina alle 15.30 e/o massimo 16.30. L'unica cosa che mi sento di dire, oltre al fatto che c'è davvero da scarpinare, è di prendere assolutamente una cartina, perchè è tutto in giapponese, punto primo e, punto secondo, per orientarsi e non perdersi.
Ecco, poi un'altra cosa sicuramente da fare a Nikko, una volta visitata tutta l'area dei templi, è cercare la passeggiata che porta alla gola detta abisso di Kanman-ga-fuchi, dove ci sono decine e decine di statuette di pietra, i jizo, che un po' ovunque si trovano in giappone, una di fila all'altra lungo un sentiero fra gli alberi. Dal ponte è una camminata di una mezz'oretta circa; io l'ho fatta verso l'ora del tramonto e mi ha un po' inquietata.. meglio farla in ore più luminose e assolate.
Nikko è un paese che non si dimentica, c'è tanta tanta spiritualità, anche se personalmente l'ho trovata una località cupa. Ma queste sensazioni ognuno di noi le ha diverse. Comunque.. tappa imperdibile.
Località
Dove mangiare: A caso, senza farsi "intimorire" dall'estetica dei locali, che possono apparire un po' freddi e spogli. Non si deve dimenticare che Nikko è un paesino di montagna in un palcoscenico davvero aspro e solitario.
Come cibo, assolutamente consiglio gli yuba soba e i panini fritti, sono deliziosi.

Dove dormire: Il sogno era alloggiare alla Nikko Inn, a circa mezz'oretta da Nikko, ma ahimè non c'era più posto. Sono finita in una specie di baita con vista ruscello veramente pessima.
Consigli utili: A seconda di che treno si prenda per Nikko, supponendo che ci si vada partendo da Tokyo, i costi sono molto diversi! E alla fine le differenze di durata del viaggio sono minime.. Pertanto non consiglio di fare come ho fatto io all'andata, ovvero prendere lo shinkansen fino a Utsunomiya e poi un treno locale per Nikko, perchè mi è costato più di seimila yen!! Assolutamente è da prendere un treno tokkyu, oppure un kaisoku, cambiando a Shimo-imaichi: facendo così si arriva a Nikko in due orette e mezza e si risparmiano sui 2500 yen.
Indicazioni utili
Visita consigliata: Sì 
Trovi utile questa recensione? yes     no


 
< Prec.   Pros. >

Le ultime recensioni su Qviaggi

1. Pisa
2. Patti
3. Taranto
4. Skiros
5. Isola di Ponza
6. Gabicce Mare
7. Pesaro
8. Gallipoli

Ultime località inserite

1. Laconi
2. Evora
3. Aveiro
4. Braga
5. Tomar
6. Sintra
7. Parco Nazionale di Peneda Geres
8. Funchal
Vedi tutti...