Destinazioni


Viaggi in Italia







Yucatan 
Messico Località
Voti utenti
4.6
su 5
2 Recensioni utenti
Località
Tipo di località: regione
Lo Yucatán è uno dei 31 Stati del Messico, situato nel sud-est del territorio, nella omonima penisola. Confina a nord con il Golfo del Messico, a est con lo stato di Quintana Roo e a sud-ovest con lo stato di Campeche. Prima dello sbarco dei conquistatori spagnoli nella regione, lo Yucatán era una delle regioni più prospere dell'Impero Maya e conserva alcuni resti archeologici risalenti a più di tremila anni fa. Lo Yucatan è famoso anche per la bellezza del suo mare e delle sue spiagge.






Recensioni utenti

Media voti da: 2 utente(i)

Media voti (pesati)
4.6
Bellezza
5.0
Ospitalità
5.0
Divertimento
4.5
Servizi
4.0
 

Aggiungi una recensione



2 di 2 persone hanno trovato questa recensione utile

Yucatan archeologia e mare!

Autore pietroRM

Media voti (pesati)
4.8
Bellezza
5.0
Ospitalità
5.0
Divertimento
5.0
Servizi
4.0
Io invece ho fatto un'altra zona dello Yucatan, a ovest di Merida per capirci. Il punto d'appoggio del mio viaggio è stata l'Hacienda Santa Rosa, da cui partivamo per le varie mete. Prima abbiamo fatto tutta la zona dei siti maya, a partire da Uxmal. Gli ultimi 2 giorni invece abbiamo fatto relax e vita di mare andando a Celestun! Uxmal è a un'oretta di macchina dall'Hacienda ed è un sito archeologico bellissimo, enorme e indimenticabile, con 150 strutture, colonne ornamentali, fregi decorativi in pietra ecc! Dopo Uxmal ci sono i siti di Kabah, Sayil, Xplapak e Labnà, tutti belli ordinati sulle colline a sud di Uxmal. La guida ci ha detto che forse, essendo tutti cosi vicini e belli in fila, facevano parte di un'unica città. Comunque, anche se sono siti minori (niente di paragonabile vero a Uxmal?!!) sono stati molto piacevoli da visitare perchè il luogo era molto tranquillo e c'era un paesaggio collinare attorno stupendo. Dopo questi siti siamo andati a Loltun, che è proprio dopo Labnà, ed è famoso per le sue grotte (finalmente un pò di frescooo!!!) Davvero molto belle queste grotte, piene di formazioni spettacolari, stalattiti, stalagmiti, e che loro hanno valorizzato benissimo con un gioco di luci stupendo. Poi un giorno dall'Hacienda siamo andati anche a Becal, una escursione che mi è piaciuta tantissimo. Becal è una bella cittadina di confine (e mi sa che appartiene già al Campeche) e subito non è niente di speciale, cioè è caratteristica ma va scoperta piano piano. E' piena di grotte, ma che hanno una funzione ben precisa, legata al motivo della fama di Becal: i mitici cappelli Panama!!! Becal è la "patria" dei Panama e ovviamente me ne sono comprato uno!!! (ce ne erano certi che costavano anche 60-70 euro!! Non il mio :-) Praticamente i cappelli vengono tessuti nelle grotte perchè l'umidità mantiene la fibra bella elastica da essere intrecciata. Infatti ti spiegano che un Panama è fatto bene se lo arrotoli (tipo sigaro) e poi torna come prima!! Con quello che è costato il mio (sui 10 euro..) non mi sono certo messo ad arrotolarlo!!! Mi son proprio divertito!! L'ultima parte della nostra vacanza l'abbiamo dedicata al mare e abbiamo fatto un giorno intero tra relax e natura a Celestun (è sulla costa ovest dello yucatan). Il posto è di una bellezza unica e non c'era un turista straniero neanche a pagarlo oro, è frequentata solo da messicani, molti di Città del Messico. Il luogo è bellissimo perchè è su un istmo di terra e cosi da un lato si vede l'oceano e dall'altro la laguna interna! le spiagge sono bianchissime e soprattutto semi deserte e c'è anche pieno di bei ristorantini di pesce a prezzi molto onesti (indelebile il ricordo in riva al mare del ristorante La Palapa...). A Celestun in barca siamo andati anche a una riserva naturale lì vicino, dove c'erano fenicotteri rosa, pellicani e una foresta chiamata foresta pietrificata, che inquietava abbastanza perchè praticamente sembrava un paesaggio lunare.. Peccato essere stati a Celestun 1 solo giorno, ci avrei fatto una settimana!!!!
Località
Dove mangiare: ristorante di pesce La Palapa, in riva al mare a Celestun
Dove dormire: Hacienda Santa Rosa, davvero lussuosa, tutto sul rustico, giardino enorme pieno di palme. La nostra camera aveva la vasca da bagno all'aperto, una meraviglia!!!
Indicazioni utili
Visita consigliata: Sì 
Trovi utile questa recensione? yes     no

4 di 4 persone hanno trovato questa recensione utile

Yucatan, il mio itinerario!

Autore luciano piccolo

Media voti (pesati)
4.5
Bellezza
5.0
Ospitalità
5.0
Divertimento
4.0
Servizi
4.0
Io e mia moglie, del vastissimo Yucatan abbiamo fatto un bell'itinerario che poi si è rivelato una stupenda vacanza. Siamo scesi con l'aereo a Merida e poi ci siamo diretti all'hotel in cui avevamo prenotato e che ha fatto da base d'appoggio nei vari giorni, l'hacienda Katanchel, un vero splendore, è ristrutturata cosi bene che tutto sembrava intatto come un secolo prima..! Come prima tappa siamo andati al sito archeologico di Akè, meno noto di molti altri e anche più piccolo, ma giuro che è immerso in una tranquillità quasi surreale, tutto circondato da prati e foreste e molto più "primitivo" di altri siti più famosi. Ma infatti te lo dicono sempre che molti dei siti maya più belli sono nascosti nel verde e vicino a villaggi sconosciuti. Poi abbiam proseguito perchè lo scopo finale era raggiungere Izamal. Sulla strada per Izamal si incontrano 2 paesini stupendi, Tixkokob e Euan, dove si gira in trici-taxi!!!( assomiglia ai risciò). Tixkokob è famoso in TUTTO lo Yucatan per la Panederia del Rei, che si trova prorio in piazza e vendono di quel pane e di quei dolci da sogno.. Euan invece è rinomato tra le gente per le sue amache! La piazza è infatti piena di negozi di amache, anche se si può andare (chiedendo dove ovviamnete) a casa di privati per comprarle direttamente lì.. Ma c'hanno un giro di acquisti mica da ridere! Dopo questi 2 bei paesini siamo arrivati a Izamal, davvero un bel centro, con ristoranti tipici, negozi di artigianato e dei boutique-hotel che sono la fine del mondo: è davvero una gran bella località turistica, e il principale monumento da vedere è il convento francescano di Sant'Antonio da Padova, a cui tenevo particolarmente perchè io sono padovano! E' affascinante, costruito sulle rovine di un'antica piramide, e dentro protegge la statua della Madonna protettrice dello Yucatan. Sulla strada del ritorno ho voluto fermarmi in un paese che all'andata avevamo saltato, Kimbilà, pieno di negozi di vestiti e camice ricamati e con una tortilleria rustica trovata per caso dove bisogna assolutamente assaggiare le tortillas appena sfornate..!!! E siamo finalmente ritornati alla nostra hacienda, che per un paio di giorni me la sono proprio goduta..!! Poi siamo ripartiti verso un itinerario più mistico, tra laghi sotterranei e conventi antichi!! Il primo villaggio che abbiam incontrato venendo dall'Hacienda è quello di Acanceh, la cui chiesa è stata costruita prorio di fronte ai resti di una bella piramide maya. Poi si sorpassano un sacco di paesini (non volava una mosca... da film western..) che portano al paese di Cuzamà, super famoso per i CENOTES, che sono delle fonti d'acqua sotterranee e sono anche una delle cose che mi è piaciuto vivere di più in assoluto.. Secondo i maya ci spiegava la guida erano un punto di accesso all'aldilà e abitate da spiriti e dei.. Per raggiungerne una siamo andati con un signore che ti "carica" su delle vecchie carrette (trainate dai cavalli!!) e si viaggia su delle rotaie, che in mezz'oretta ti portano al cenote Bolonchohol, in una grotta stupenda lunga più di 50 metri sicuro. E sopra era coperta ma questa copertura della grotta era piena di buchi che facevano passare i raggi del sole.. e tu sei lì dentro CHE NUOTI... e l'acqua fa dei giochi di luce meravigliosi... una cosa indimenticabile... Ci sono delle foto su internet, ma non rendono come le mie :-)) beh, poi, dopo questa meravigliosa esperienza, tramite una bella strada panoramica abbiamo toccato vari luoghi di fede voluti dagli spagnoli come Tekit, Mama, Chumayel e Mani, davvero splendidi, ricchi di monumenti fatti costruire dagli spagnoli per non essere da meno ai maestosi templi dei maya (non c'è paragone comunque!!). Quindi sono cittadine ricche di edifici imponenti, costruiti su basamenti di antiche piramidi. Davvero maestosi, e tutto il paesaggio è fantastico. Mi è piaciuta particolarmente Mani, e non solo per il suo convento, che è abbastanza famoso tra l'altro, ma anche per il ristorante Tutul-Xiu, in cui ho voluto andare a tutti i costi perchè avevo letto che è rinomato per fare il miglior Poc-chuc di tutto lo Yucatan!! (è carne di maiale al forno tagliata fine e servita con pomodoro, avocado, lime e altre cosette. beh, una delizia). Prima di tornare indietro alla nostra mitica Hacienda, abbiam proseguito un poco per raggiungere Ticul, nota come città del vasellame (consiglio il negozio Arte maya, fa delle riproduzioni dei pezzi che stanno nei musei incredibili!)
Località
Dove mangiare: Ristorante EL TORO, a fianco del mercato di Izamal. e poi di sicuro il ristorante Tutul-Xiu a Mani
Dove dormire: Hacienda Katanchel (è a circa 30 km. a est di Merida), bellissima, tutte suite in stile retrò, in mezzo a una tenuta enorme piena di vari pavillon. Il centro della tenuta è la Casa Principal, a cui si accede attraversando un ingresso maestoso. Poi si mangiava nella Casa de Maquina e cosi via! L'acqua delle piscine poi ho scoperto che proviene da cenote (fonti d'acqua) sotterranei vicini alla zona!
Indicazioni utili
Visita consigliata: Sì 
Trovi utile questa recensione? yes     no


 
< Prec.

Le ultime recensioni su Qviaggi

1. Pisa
2. Patti
3. Taranto
4. Skiros
5. Isola di Ponza
6. Gabicce Mare
7. Pesaro
8. Gallipoli

Ultime località inserite

1. Laconi
2. Evora
3. Aveiro
4. Braga
5. Tomar
6. Sintra
7. Parco Nazionale di Peneda Geres
8. Funchal
Vedi tutti...