Destinazioni


Grand Voyages

MSC Crociere lancia la promozione MSC Grand Voyages per le vacanze 2014-2015. Leggi tutto

Viaggi in Italia








My Son 
Vietnam Località
Voti utenti
4.3
su 5
1 Recensioni utenti
Località
Tipo di località: d'arte o storica
Patrimonio dell'umanità UNESCO
Riconoscimenti: Patrimonio umanità UNESCO
Sito patrimonio dell'umanità UNESCO: Santuario di My Son
Categoria UNESCO: Sito culturale
My Son è il più importante sito archeologico del regno Champa di tutto il Vietnam. Situato nel cuore del Paese, non lontano dalla bellissima Hoi An e nei pressi del villaggio di Duy Phú, è costituito da una serie di resti e rovine di templi induisti costruiti tra il IV ed il XIV secolo d.C. dai re Champa. I templi si trovano all'interno di una suggestiva vallata circondata da due catene montuose. Tra i templi, tutti dedicati al culto del dio Shiva, il più importante e significativo è quello di Bhadresvara.






Recensioni utenti

Media voti da: 1 utente(i)

Media voti (pesati)
4.3
Bellezza
5.0
Ospitalità
5.0
Divertimento
4.0
Servizi
3.0
 

Aggiungi una recensione



1 di 1 persone hanno trovato questa recensione utile

Imperdibile, marted 21 ottobre 2014

Autore Joan

Media voti (pesati)
4.3
Bellezza
5.0
Ospitalità
5.0
Divertimento
4.0
Servizi
3.0
E' un sito bellissimo ed imperdibile, come lo è secondo me tutto il Vietnam centrale: Danang, Hoi An (forse ormai troppo turistica..), My Son e Tra Kieu.. sono posti stupendi e dal fascino unico.
My Son si trova neanche a 50 chilometri da Hoi An, all'interno di una bella valle lussureggiante. Per un migliaio di anni My Son è stato praticamente il cuore e l'anima della sua cultura. Purtroppo gli americani, dopo la faticaccia fatta dai francesi prima della II guerra mondiale a restaurare e a catalogare un sacco di reperti e monumenti, coi bombardamenti hanno rovinato molte strutture, compresi due magnifici templi... e soprattutto una torre stupenda di 24 metri che prima di allora era resistita per più di mille anni (ora manco si vede.. i cumuli delle rovine sono tutti ricoperti di vegetazione). Comunque oggi almeno 20 delle 71 reliquie sono pressochè intatte, e la maggior parte sono raggruppate nell'area da dove praticamente inizia la visita.
Nel cosiddetto gruppo C si trova la torre che preferisco, è completamente intatta ed ha un tetto che sembra una sella. Dentro conservava una bellissima statua (la statua di Siva), che però oggi è nel museo di Danang dedicato ai Cham.

Una curiosità: nel sito uno dei più grandi misteri è come, nella cosiddetta architettura Cham, siano riusciti a costruire le torri in mattoni senza usare apparentemente la malta. C'è chi dice che cuocevano la torre in loco, altri dicono che invece usavano della resina vegetale. Beh, comunque l'importante oggi è poterne ammirare tutti gli stili architettonici, restare a bocca aperta e fare un bel po' di fotografie!
Località
Consigli utili: Nonostante la maggior parte dei turisti alla fine si unisca sempre al giro turistico in partenza da Hoi An, io consiglio di andarci tranquillamente noleggiando un'auto. Andate la mattina presto per evitare il caldo e soprattutto la folla.
Indicazioni utili
Visita consigliata: Sì 
Trovi utile questa recensione? yes     no


 
< Prec.   Pros. >

QLogin - Username e password

Le ultime recensioni su Qviaggi

1. Karoo
2. Namaqualand
3. Stellenbosch
4. Durban
5. Parco Nazionale degli Elefanti di Addo
6. Pretoria
7. Johannesburg
8. Torun

Ultime località inserite

1. Karoo
2. Namaqualand
3. Stellenbosch
4. Durban
5. Torun
6. Cassubia
Vedi tutti...